web
ph. Flavia D'Alessandro

10 Aprile 2015


"Le Macchine Cele(b)ri"
collettiva d'arte contemporanea
Galleria Forma4 è in pole position sul circuito del GRAN PREMIO DI BARI.
direzione Artistica Flavia D'Alessandro.
testo critico Giuliana Schiavone
evento collaterale della rievocazione Storica 2015.
Arte & Motori, il binomio è possibile… Ieri come oggi l'Arte mette in moto, cambia marcia e “si fa strada”...

Artisti in mostra: Dario Agrimi, Pierluca Cetera, Flavia D'Alessandro, Gianni De Serio, Antonio Giannini, Beppe Labianca, Massimo Nardi, Francesco Sannicandro, Lino Sivilli, Arianna Spizzico, Beppe Sylos Labini.

Galleria Forma4 - Via Argiro, 73 Bari
Silvio Maselli - Assessore alle Culture, Turismo, Partecipazione e Attuazione del programma - Comune di Bari
Silvio Maselli
Assessore alle Culture, Turismo, Partecipazione e Attuazione del programma
Comune di Bari

C’è qualcosa di insano e, insieme, di affascinante nella velocità.
La velocità ha sempre interessato l’essere umano.
Ogni epoca storica, infatti, ha scelto la velocità cui viaggiare.
Ovviamente non si è trattato solo di tecnologia, bensì anche di attitudine alla ricerca di nuovi mondi, di desiderio di nuove scoperte, di sondare l’ignoto, di capire cosa ci fosse dietro una curva, di intendere l’inconoscibile.
E’ per questo che ci piace l’idea di ritrovarci, indietro nel tempo, ad ammirare il modo in cui i nostri padri e i nostri nonni, interpretavano l’idea stessa di velocità: con il vento fra i capelli, con le parole schiacciate sul volto di chi le emetteva in quei bolidi senza tetto.

Ma tutto questo non avrebbe senso, non assumerebbe un valore emotivo, senza un racconto, senza una narrazione in grado di colpire il nostro cuore: l’arte, con la mostra “Le macchine Cele(b)ri”, è al servizio della rievocazione, ci aiuta a entrare ancora meglio nella nostra storia, nel nostro comune immaginario collettivo. E ci guida alla comprensione. Perché nessun modo è migliore di capire con il cuore. Per chi ne ha uno.

E nella nostra amata, bella città che si riscopre nel fascino antico e sempre nuovo della velocità, ci diamo appuntamento al Gran Premio di Bari 2015.

Buona corsa.


Silvio Maselli

flavita Flavia D'Alessandro - Art Director
ph. Letizia Gatti

Due passioni per un percorso univoco: "Le macchine Cele(b)ri".

Arte&Motori. Ieri come oggi, esiste un filo conduttore che accorcia le distanze fra due mondi - tanto apparentemente lontani quanto intimamente uniti - sotto il segno della grande passione per il Bello.
Arte&Motori, il binomio possibile. Un incontro fortuito fra due passioni che, già nel secondo dopoguerra, si sono incrociate in una Bari che, da impareggiabile location, ha vissuto un momento radioso e memorabile fra il 1947 e il 1956.
Furono ben nove le brillanti edizioni del Gran Premio che sancirono di diritto l’ingresso del capoluogo pugliese nella storia delle capitali mondiali della Formula Uno.
Ieri come oggi, lungo quello stesso filo conduttore - già riannodato nel 2010 con la prima edizione della “Rievocazione Storica del Gran Premio” - l'Arte mette in moto, cambia marcia e “si fa strada”.
Il circuito, anche simbolico, è lo stesso di quello tracciato per quell’auto d'epoca che col suo “cofano adorno di grossi tubi simili a serpenti dall’alito esplosivo” appare più bella della Vittoria di Samotracia. Ieri come oggi, le macchine d’epoca sempre più celeri diventano cele(b)ri, intrecciando energia e velocità lungo lo stesso rettilineo – quello della storia - su cui solo gli artisti sanno apporre il loro sigillo indelebile.


Flavia D'Alessandro

Dario-Catalano-web Dario Catalano - Presidente Old Cars Club
Si rinnova anche quest'anno il connubio vincente Arte-Auto.
In mostra opere di illustri artisti che si sono impegnati per rappresentare due mondi in cui l'estetica trova la sua massima espressione e rappresentazione.
Il gran premio, frenesia di oggetti luccicanti e sinuosi che si muovono anzi corrono, fuggono, scappano via, lasciano cortine di (pro)fumo di motori, inebriano, affascinano, ma non hanno meta, girano in un circuito per ipnotizzare gli spettatori e farli sognare. Ferrari, Stanguellini, Taraschi, Maserati, cele(b)ri marchi di opere su quattro ruote che si esibiranno come bighe trainate da trottanti cavalli sul nuovo tracciato tra mare, antiche mura, teatri e dimore di famosi condottieri.
La nostra Bari che celermente si sta riappropriando della fama internazionale che nei tempi passati, grazie al GP, aveva raggiunto.
Buon G.P.


Dario Catalano